Testamentoolografo.it

Il testamento segreto

Anche il testamento segreto è un atto che necessita dell’intervento di un Notaio. Il testamento segreto può essere scritto dal testatore e sottoscritto da lui alla fine delle disposizioni; oppure può essere scritto da un terzo o addirittura con mezzi meccanici purché sottoscritto dal testatore su ogni mezzo foglio.

Non occorre la data e il testamento può essere scritto in qualsiasi lingua.

Il testatore deve presentare a un Notaio alla presenza di due testimoni il testamento già sigillato o da sigillare immediatamente dal Notaio stesso e dichiara che vi è contenuto il proprio testamento; questo pertanto rimane segreto perché nessuno può leggerlo.

Sulla carta in cui dal testatore è scritto o avvolto il testamento, o su un ulteriore involucro predisposto dal Notaio e da lui debitamente sigillato, si scrive l’atto di ricevimento nel quale si indicano il fatto della consegna e la dichiarazione del testatore.

Chi non sa o non può leggere non può fare testamento segreto ma solo pubblico.
Il testatore che sa leggere ma non scrivere, o che non ha potuto apporre la sottoscrizione quando faceva scrivere le proprie disposizioni, deve altresì dichiarare al Notaio che riceve il testamento, di averlo letto e aggiungere la causa che gli ha impedito di sottoscriverlo: di ciò si fa menzione nel verbale di ricevimento.

Il testamento segreto è nullo quando manca la redazione per iscritto, da parte del  Notaio, delle dichiarazioni del testatore o la sottoscrizione dell’uno o dell’altro.

Il testamento segreto può essere ritirato in ogni momento dal testatore dalle mani del Notaio presso il quale si trova. Il Notaio redige un verbale di restituzione che viene sottoscritto dal testatore, da due testimoni e dal Notaio.